Documenti

"La Presse" racconta il terremoto dello stretto

(foto: La Presse) - 1908 le 28 décembre Le plus gros tremblement de terre jamais enregistré en Europe a totalement dévasté les villes de Messine en Sicile et Reggio de Calabre au Sud de l’Italie. Le port de Messine n’existe plus. Le séisme a provoqué la mort de plus de 100 000 personnes sur les deux sites de la catastrophe.

Così il quotidiano Francese La Presse (1836-1938) intitolò, in prima pagina, un articolo relativo al Terremoto dello Stretto pochi giorni dopo il 28 dicembre 1908, con una foto storica:

Traditto in Italiano: 28 dicembre 1908 , il più grosso terremoto mai registrato in Europa ha totalmente distrutto le città di Messina in Sicilia e Reggio di Calabria a sud dell’Italia: Il porto di messina non esiste più. Il sisma ha provocato la morte di più di 100.000 persone sui due siti della catastrofe.

"La Presse" fu lanciato da Emilio di Girardin con un tipo di tipografia moderna e con costi irrisori data l’introduzione massiccia della pubblicità su carta. Ciò permette all’editore di conquistare larghi spazi e consensi. La fedeltà del pubblico era assicurata dalle pubblicazioni di Victor Hugò, Onorato di Balzac e Alexandre Dumas.
Successivamente "La Presse" conosce parecchi proprietari diventando un quotidiano politico tra i più popolari.
Forse proprio per questo, dopo l’avvento della Republique Francais, considerato giornale di centro-sinistra, cessa le pubblicazioni nel 1938.

Si ringrazia per il contributo Salvatore Marrari